Sono molti i nomi noti presenti in cartellone, ma non mancano nuove proposte, a cui il Teatro Vascello dedicata sempre attenzione.

Il 2018 è il cinquantesimo anniversario della Fabbrica dell’Attore, per questo la Direttrice Artistica ha tenuto a mettere in scena Gabbiano di Cechov con la regia e lo stesso cast originario di Giancarlo Nanni per ricordare la sua arte. Manuela Kustermann oltre a riprendere la regia sarà in scena per questo spettacolo e non solo. La vedremo anche nell’opera scandalo Salvati di Edward Bond con la regia di Gianluca Merolli e in Dichiaro guerra al tempo con la regia di Daniele Salvo, insieme a Melania Giglio.

Avremo la presenza della compagnia La Valdoca con il loro ultimo spettacolo Giuramenti su testi di Mariangela Gualtieri e la regia di Cesare Ronconi. Una partecipazione fortemente voluta dalla Kustermann, perché vuol dar spazio, anno dopo anno, a quelle compagnie storiche che hanno animato il movimento teatrale degli anno ‘70/’80.

Torna anche quest’anno Roberto Latini con I Giganti della Montagna di Luigi Pirandello, Amleto+ Die Fortinbrasmaschine, una riscrittura dal testo di Heiner Muller e Il Cantico dei Cantici.

Ci sarà anche Gabriele Lavia con Lavia dice Leopardi e Il sogno di un uomo ridiciolo di Fëdor Dostoevskij.

La 19° edizione del Festival Flautissimo porterà al Teatro Vascello Massimo Popolizio con Iliade (Canto I), Peppe Servillo con Anche queste due mani vengono con me e Moni Ovadia e Anissa Gouizi con Rotte Mediterranee (che in questo momento storico sta diventando cimitero di molti emigranti).

Alessia esposito di 369gradi ringrazia il Teatro Vascello per sostenere i progetti artistici proposti, soprattutto quando si tratta di nuovi talenti a cui viene data la possibilità di confrontarsi con il pubblico di un grande teatro nella scena romana.

Sono nel cartellone la Compagnia Punta Corsara con Il cielo in una stanza e in collaborazione con Teatri di Vita, con Chiedi chi era Francesco di Andrea Adriatico. Vedremo la produzione di 369gradi, White Rabbit red Rabbit, un testo di Nassim Soleimanpour, in collaborazione con La Fabbrica dell’Attore. Si tratta di un esperimento sociale, in quanto l’attore riceve il testo la prima volta sul palco. Per questa prova ha accettato di mettersi in gioco Antonio Catania.

369grandi presenta inoltre una rassegna dal titolo Filetti di Sgombro per dare spazio ad alcuni autori romani che hanno animato con improvvisazioni le serate del Cinema Palazzo. Ci sarà Ivan Talarico con Il mio occhio destro ha un aspetto sinistro, Daniele Parisi con Euhoè! e Claudio Morici con 46 Tentativi di lettera a mio figlio.

Il 13 novembre per il compleanno di Dacia Maraini il Teatro Vascello ha organizzato una serata per onorarla con La lunga vita di Marianna Ucrìa.

Potrete inoltre vedere Exit il festival che si teneva al Teatro Orologio, ospitato qui per la chiusura del medesimo. Uno spazio per le nuove drammaturgie, la danza e la musica a cui sono dedicati tre concorsi per i giovani under 30.

Rinnovato lo spazio per la musica, dalla classica, alla jazz alla rock e lo spazio per la danza.

Si riconosce l’assenza di Rezza/Mastrella quest’anno, impegnati per la preparazione del loro nuovo progetto, così ad accompagnare il periodo natalizio ci sarà  La locandiera di Carlo Goldoni del Teatro del Loto Libero Opificio Teatrale Occidentale, dal 19 al 23 dicembre e Miseria e Nobiltà dal testo di Edualrdo Scarpetta con la regia di Michele Sinisi dal 26 al 31 dicembre.

Da menzionare inoltre la presenza di Cantieri Teatrali Koreja con Frame e Paladini di Francia e la produzione de La fabbrica dell’Attore con Roma ore 11 di Elio Petri, Troiane Frammenti di Tragedia da Euripide con la drammaturgia di Mitipretese e Festa di Famiglia di Pirandello con il testo di Mitipretese e la collaborazione drammaturgia di Andrea Camilleri.

Confermata anche quest’anno la stagione del Vascello dei Piccoli con la compagnia Stabile I giovani del Vascllo che presenteranno per la gioia di grandi e piccini: ​Peter Pan e ​In Cammino per Oz.

Altri spettacoli per i più piccini saranno portati in scena da altre compagnie come Teatro degli Accettella, Nomen Omen, Teatro dell'Acquario di Cosenza e Cantieri Teatrali Koreja di Lecce.

Continua anche la collaborazione con la compagnia Dynamis diretta da Andrea De Magistris, ormai da anni in residenza al Vascello, che conduce i laboratori teatrali e il coro di Cesare Del Prato e di Vincenzo De Filippo. Inoltre quest'anno c’è il progetto speciale con Carla Tatò e Carlo Quartucci.

Ritroviamo inoltre importanti festival, oltre i già citati Flautissimo ed Exit, Le Vie dei Festival, Romaeuropa, Teatri di Vetro e I Concerti nel Parco.

 

​Per maggiori dettagli potete consultare la programmazione compleata del Teatro Vascello qui.

 

 

Leave a comment